Rientro da malattia

Le assenze devono essere sempre comunicate per telefono alla Scuola.

In presenza di malattie infettive o che possono contagiare altri bambini, il genitore è obbligato a darne tempestiva comunicazione alla Scuola, lo stesso dicasi di pediculosi. La Scuola potrà così informare le famiglie e mettere in atto tutte le misure profilattiche atte a salvaguardare i bambini frequentanti.

Il genitore che comunicherà la malattia o il caso di pediculosi del figlio sarà tutelato dalla legge sulla privacy.

La riammissione del bambino dopo un’assenza per malattia infettiva è subordinata alla presentazione di un’autocertificazione (modulo Autocertificazione rientro da malattia consegnato alle famiglie) nella quale il genitore dichiara che durante la malattia del proprio figlio si è attenuto a tutte le indicazioni del medico pediatra.

Non verranno accolti nella struttura scolastica bambini con rialzo della temperatura, anche se sotto l’effetto di medicinale antipiretico, mal d’orecchi, congiuntivite, vomito, dissenteria, esantema.

Se durante la giornata il bambino dovesse subire un rialzo della temperatura oltre i 37,5°C, presentare mal d’orecchi, congiuntivite, vomito o scariche diarroiche, esantema verrà immediatamente avvertito il genitore e il bambino verrà allontanato dalla collettività (modulo Allontanamento dalla collettività per sospetta malattia infettiva nella scuola DGR 30 settembre 2004 – n.7/18853).

In caso di emergenza e urgenza non gestibili dal personale della Scuola verranno tempestivamente avvisati i genitori e, se ritenuto necessario, i servizi sanitari di pronto intervento. A tal fine, i genitori hanno l’obbligo di lasciare uno o più recapiti telefonici.

Le insegnanti e la Direttrice non sono autorizzate a somministrare farmaci comuni durante l’orario scolastico.

La somministrazione di farmaci (esclusivamente per la sicurezza della salute del bambino/a come da Documento Ministeriale “Raccomandazioni per la somministrazione di farmaci in orario scolastico” del 25 Novembre 2005) in orario scolastico deve essere formalmente richiesta dai genitori a fronte della presentazione di una certificazione medica attestante lo stato di malattia del bambino  con la prescrizione specifica dei farmaci da assumere (conservazione, modalità e tempi di somministrazione, posologia).